Daniel Müller-Schott

Formatosi con Walter Nothas, Heinrich Schiff, Steven Isserlis e con il costante sostegno di Anne Sophie Mutter, Daniel Müller-Schott ha iniziato giovanissimo la carriera concertistica. Oggi è uno dei violoncellisti più acclamati al mondo. Già ospite di Ascona (nel 2013 con l’OSI e nel 2018 con la Tonhalle Orchester), si esibisce su tutti i principali palcoscenici internazionali. Esponente di punta della musica classica contemporanea, da oltre vent'anni ispira il suo pubblico grazie a una tecnica eccezionale abbinata al magnetisimo e all’intensa espressività della sua musica. Oltre ad eseguire i grandi concerti per violoncello, Daniel Müller-Schott ha notevolmente ampliato il repertorio per violoncello, andando all scoperta di opere sconosciute, scrivendo lui stesso nuovi arrangiamenti e collaborando con compositori del nostro tempo. Concerti per violoncello sono stati a lui dedicati da Sir André Previn e Peter Ruzicka.  


Nella sua carriera Daniel Müller-Schott si è esibito sotto la direzione di importanti maestri come Vladimir Ashkenazy, Charles Dutoit, Bernard Haitink, Dmitri Kitaenko, Neville Marriner, Gianandrea Noseda, Kurt Masur, Sakari Oramo e André Previn e con orchestre di fama mondiale: negli USA con le orchestre di New York, Boston, Cleveland, Chicago, Philadelphia, San Francisco e Los Angeles; in Europa con la Filarmonica di Berlino, la Gewandhausorchester di Lipsia e tutte le principali orchestre tedesche, ma anche con la London Symphony e la London Philharmonic Orchestra. Daniel Müller-Schott suona sul violoncello “Ex-Shapiro” di Matteo Goffriller, costruito a Venezia nel 1727.

 

Sito internet

..
..
 
Indietro

Torna su

Seguiteci anche su Follow us on FacebookFollow us on Twitter

Iscriviti alla newsletter!

Select language

Italiano

Deutsch

Français

English

Settimane Musicali di Ascona

c/o Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli

Casella postale / P.O. Box
CH 6600 Locarno – Switzerland

 

Tel:
dalla Svizzera 0848 091 091
dall’estero +41 848 091 091

 

Scrivici

© Fondazione Settimane Musicali Ascona - Credits